BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

5 luglio 2012

I PREDATORI DI ATLANTIDE


Di Ruggero Deodato. Con Christopher Connelly, Tony King, Gioia Scola. ITALIA/1983

“Ah, spinaci e fosforo!”

Per me è doloroso parlare male di un film di Ruggero Deodato, regista che ha regalato al mondo uno dei miei film preferiti di tutti i tempi, nonché un capolavoro assoluto come Cannibal Holocaust. Questo “I Predatori di Atlantide” però ha davvero poche frecce nella sua faretra.
Il “nonsense” si diffonde a macchia d'olio in questo film avventuroso in cui la trama è un pretesto per inscenare degli interminabili combattimenti tra dei bikers filippini e il nostro gruppetto di eroi. La coppia bianco-nera è formata da Mike e Washington (ma lui si chiama Mohamed); i due sono delle canaglie che dopo una gigantesca ondata in un lavandino, dovuto al recupero di un sottomarino atomico, si imbattono in un gruppo di ricercatori che hanno trovato una tavoletta, inconfutabile prova dell'esistenza di Atlantide. L'esplosione dovuta al sottomarino ha fatto riemergere l'isola e con essa gli abitanti, che si sono trasformati in dei cattivissimi bikers anni '80 che hanno l'unico scopo di uccidere il resto dell'umanità.

Inizia così il classico film polpettone d'avventura, con botti, esplosioni, inseguimenti e scontri interminabili, realizzati anche con cura vista la regia, ma che alla lunga finiscono inesorabilmente per rompere le palle. Tra l'altro i nostri punk-bikers sono dei veri idioti, visto che prima di attaccare alle spalle, urlano sempre per segnalare la loro presenza e venire uccisi dal buono di turno.
Il delirio finale con la professoressa rapita dagli atlantidei, proiettata in un videoclip dei Pet Shop Boys e che poi senza alcuna spiegazione si ritrova nell'elicottero, nobilita un tantino un film deboluccio e trascurabile: “Ma come, eri in mano ai saggi di Atlantide truccata di bianco, noi siamo scappati fregandocene di te e adesso ti ritroviamo così d'amblè sull'elicottero? - Eh, spinaci e fosforo!”. In effetti non fa un piega.

“I Predatori di Atlantide” è in definitiva un discreto prodotto trash, ad alcuni potrebbe piacere, ma a noi ha abbastanza fracassato i coglioni.

Recensito da: Vidur

VOTI
TRASH: 71/100
Noia: 80/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 67/100
Presunzione della regia: 55/100
Incapacità degli attori: 51/100



Però, la colonna sonora mega eighties non è così male...

Se ti piace guarda anche: I Predatori dell'Anno Omega, Megaforce, I Predatori dell'Arca Perduta

1 commento:

  1. non so perche'ma amo particolarmente sta stronzata!indubbiamente dal buon ritmo e la colonna sonora degli oliver onions da una marcia in piu'a questo film...discreto il cast tra cui michele soavi.divertentissima la scena della decapitazione del bikers...

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani