BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

5 aprile 2012

TROG IL TERRORE DI LONDRA

Di Freddie Francis, con Joan Crawford, Thorley Walters, Michael Gough, Bernard Kay, Kim Braden, David Griffin, John Hamill, Jack May, Geoffrey Case, Robert Hutton, Simon Lack, David Warbeck, Chloe Franks, Maurice Good, Joe Cornelius, GB, 1970


Riecco dal profondo degli abissi l'ennesimo mostro assassino, questa volta nei panni di un troglodita di dieci milioni di anni, un cavernicolo grezzo e peloso.
LA TRAMA
Un gruppo di studenti di geologia si imbatte in una grotta mai visitata dall'uomo (sapiens) all'interno della quale rinvengono quello che pare essere un omaccione con una ridicola mascherina e del pelo penzolante dalle ascelle, che viene però spacciato come un neanderthaliano.
Il bestione abbatte in maniera risibile due dei tre studenti lasciandone però fuggire un altro che va a rivelare tutto alla dottoressa Brockton con la speranza di farsi assumere nel suo laboratorio dopo la laurea.
La Brockton, che in un film di serie Z non inglese sarebbe una scollata di trent'anni e invece qui è nonna Abelarda,  assume seduta stante il giovane e convince la polizia a non uccidere il bestione, di cui lei stessa scatta un'istantanea da due metri tipo fototessera.
Lo cattura e con la forza della scienza e delle buone maniere trasforma il sanguinario primate in un effemminato pelosone che gioca con le bambole, ascolta musica leggera e predilige i fiocchetti rosa da mettere al collo.
Murdock, il rivale della Brockton, non può sopportare tutto ciò e intenta una causa per l'abbattimento di quello che considera un animale, il giudice non lo appoggia e anzi la sua sentenza si scaglia contro il machismo violento in un tripudio di banalità sulla scienza che crea il progresso.
Intanto Trog (si, viene chiamato proprio così!) compie passi da gigante, impara l'utilizzo di tre parole usate però in maniera casuale, gioca con una pallina, picchia a sangue i cani, impara due colori, insomma fa tutto quello che anche la vostra puzzola da compagnia saprebbe fare se solo ne aveste una.
Elabora inoltre flashback lunghissimi in cui ci viene spiegata l'estinzione dei dinosauri che lui ha visto personalmente, gettando nel cesso la base della paleontologia, cioè che dinosauri e uomini non hanno mai vissuto insieme.
Murdock, invidiosissimo dei progressi di Trog, una notte si intrufola nel laboratorio e lo libera dal suo gabbiotto, ricevendone come ricompensa una serie di randellate in testa, Trog è libero così di andare in giro per il paese (nel titolo Londra, nel film Abbiategrasso) ad uccidere e a spargere sangue innocente, finchè non rapisce una bambina e fa ritorno alla grotta.
Asserragliato dalla polizia riconsegna senza proferire grugnito la bambina alla Brockton prima di essere ucciso dalla polizia.
Filmaccio che gode però del classico aplomb inglese di relativa clama e tranquillità. che in una pellicola del genere si traducono però con tediosità e noia, il costume di Trog è veramente notevole nella sua totale assenza, consiste infatti di mutande nere e mascherone.
Magnifico il profilo di Murdock che è proprio un malvagio dentro che vuole uccidere solo per cattiveria e vuole far fare brutta figura alla Brockton perchè "una donna non può essere il capo di un laboratorio".
Commoventi anche i due speleologi che esplorano un fiume sotterraneo in mutande bianche, ad un certo punto compaiono anche dei dinosauri di plastilina: tripudio!

Recensito da: Ortnid
VOTI
TRASH:75/100
Noia: 85/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 88/100
Presunzione della regia: 70/100
Incapacità degli attori: 70/100


Se ti piace guarda anche: Korang, la terrificante belva umana

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani