BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

12 aprile 2012

L'ISOLA DEI SOPRAVVISSUTI (aka Three)

Di Stewart Raffill. Con Billy Zane, Kelly Brook, Juan Pablo Di Pace. UK/2005

In questi giorni sta uscendo la versione in 3D di “Titanic”. Avete presente il cattivo? Ecco, si chiama Billy Zane. Il buon Billy ha avuto una carriera strana: ha esordito in “Ritorno al Futuro” (era uno dei tre scagnozzi di Biff), ha raggiunto il suo apice proprio con “Titanic” e poi è affondato lentamente, trovandosi impantanato in una serie di filmacci di serie Z. Uno di quelli, è “L'isola dei Sopravvissuti”, spacciato chissà perchè come un horror, ma che in realtà è un banale film d'avventura.

Due coppie di riccastri decidono di fare una bella gita su uno yacht, ma la dabbenaggine di uno dei marinai, Manuel, provoca un incendio a bordo. Tutti i passeggeri sono obbligati ad abbandonare la nave e a sopravvivere sono solo Jenny e proprio Manuel, che approdano a fatica sulla classica isola deserta. Jenny è interpretata da Kelly Brook, che con un tecnicismo oserei definire una gran bella figa, oltre che il motivo principale per vedere questo film. Tra il bel marinaio portoricano (o giù di lì) e la bella figa si crea subito feeling, ma l'idillio viene interrotto dal ritrovamento del marito di lei, Jack, ovvero il nostro Billy Zane, ormai vecchio e pelato. Jack dovrebbe pensare a come sopravvivere e a come tornare a casa, ma il suo unico pensiero in testa è il dubbio che la moglie gnocca l'abbia cornificato con Julio Iglesias. E ne ha ben donde, perchè alla fine Jenny finisce per cedere al corteggiameno dell'ispanico marinaio. Jack se ne accorge subito e si scatena la guerra.
La moglie fedifraga inizia a fare comunella con Manuel, innestando una tragica deriva psicotica per il povero Billy Zane. Se infatti all'inizio Jack si comportava da emerito coglione, da questo momento in poi non si può che passare dalla sua parte, visto che Jenny e Manuel finiscono pure per rubargli la barca che lui si era recuperato facendosi un culo quadro: “Ammazzali Billy, ammazzali!”. Ma Jack aveva calcolato tutto, infatti la scialuppa affonda dopo poco e i due concubini sono costretti a tornare all'isola.

SPOILER

Arriva finalmente la conclusione, in cui il buon Jack riceve la sua vendetta, assistendo alla morte di Manuel che si autotrafigge cadendo su un paletto di bambù finito lì per caso. Dopo un anno una barca arriva a salvare Jenny, che decide di non avvertire il maritino andato a pesca...'sta troia.

FINE SPOILER

Nel complesso siamo di fronte ad un filmetto scialbo e piuttosto banale, realizzato con due lire (il 90% del film si svolge su un'isola deserta, tralasciando le sequenze voodoo che vi ho appositamente risparmiato), ma che in qualche modo prende, soprattutto nella seconda parte. E poi ragazzi, che cos'è Kelly Brook...

Recensito da: Vidur


VOTI
TRASH: 73/100
Noia: 64/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: n.p.
Presunzione della regia: 57/100
Incapacità degli attori: 66/100



Se ti piace guarda anche: Cast Away, L'isola dei Famosi, Titanic, qualcosa con Kelly Brook

6 commenti:

  1. l'unica ragione per cui ho noleggiato questo film è lei, kelly "wow" brook..... e poi anche per capire come mai, uno come billy zane, (che ha partecipato al pluripremiato titanic),non sia esploso ad hollywood', bè.... si è vero come attore non è mai stato un talento,pero credo che la caduta dei capelli non l'abbia aiutato!!!!

    RispondiElimina
  2. Tra l'altro ho letto che dopo questo film Billy e Kelly hanno anche avuto una relazione piuttosto lunga...

    RispondiElimina
  3. Ritiro in parte ciò che ho detto in precedenza, la caduta dei capelli non ha aiutato la sua carriera, però ha giovato sicuramente alle relazioni con le donne......ed una in particolare!!!!! a proposito questo film ha molte similitudini, con un altro film con billy zane ad inizio carriera, ossia ore 10 calma piatta, anche in quella pellicola erano tre i personaggi principali, ed anche in quel caso il caro billy, non era di certo un santo!!!!! p.s. complimenti per il sito l'ho scoperto per caso, ed adesso sto facendo una maratona di lettura delle recensioni...

    RispondiElimina
  4. secondo me il fiore all'occhiello della carriera di Billy Zane era e rimane il silenzio dei prosciutti. O Puttanic dei prophilax.

    RispondiElimina
  5. Sicuramente il silenzio dei prosciutti rimane il miglior film di Ezio Greggio, e per il migliore intendo il meno peggio.....soprattutto perchè ancora devo riprendermi dalla visione del suo film d'esordio ossia sbamm!!!!!! Billy zane invece non discrimina nessuno, infatti nel suo curriculum,è interprete anche di bloodrayne di uwe boll, ho detto tutto!!!!

    RispondiElimina
  6. L'unico motivo che mi ha spinto a vedere tutto il film è stato il "tifo" che ho fatto per Jack,arrivando addirittura a volere suggerirgli cosa doveva rispondere al marinaretto e alla moglie zoc****....

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani