BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

15 marzo 2012

2012: ICE AGE


di Travis Fort, con Patrick Labyorteaux, Julie McCullough e Katie Wilson. USA/2011/The Asylum.


Travis Fort è agli esordi, e si vede. Per il suo primo film sceglie un attore protagonista insospettabile (e impronunciabile): Patrick Labyorteaux, già noto al grande pubblico per il ruolo di marine grasso in JAG. Solo questo rende il film imperdibile... o forse no?

Bill Hart è un padre e un marito distratto che di lavoro fa qualcosa che non ci verrà spiegato e che non avrà affatto un qualche risvolto sulla trama, ma c’entra con dei ghiacciai. Un bel dì in Islanda tutti i vulcani decidono di eruttare, causando così il distacco di un enorme ghiacciaio, che si dirigerà a tutta velocità verso l’America.
Panico generale, effetti speciali degni del peggiore film Asylum e recitazione a livelli infimi, gli ingredienti per una catastrofe annunciata ci sono tutti.
Inizia così il viaggio di papà Bill, moglie Teri e figlio petulante verso New York, per salvare la figlia che si trova lì per motivi di studio (leggi: pene).

[SPOILER]
Viaggiando in auto sotto bufere di neve, grandinate e iceberg volanti (usando per un tratto anche un aereo di cartapesta) i nostri arriveranno finalmente a New York, che però è sotto 10 metri di neve. A questo punto Bill avrà un colpo di genio: rintracciare la figlia con i GPS del cellulare... ma pensarci prima no?
Si scopre così che la figlia, guidata dal fidanzato (raro caso in cui il ragazzo della figlia del protagonista non solo è intelligente ma addirittura sopravvive), è da tutt’altra parte.
Una volta raggiunta sorge spontanea la domanda: e ora? Perché nonostante bombe su bombe lanciate dai militari americani e un livello di radiazioni che probabilmente ucciderà anche i pochi superstiti, il ghiacciaio è intatto e si sta spalmando su mezza America.
Inizia così un’altra breve fuga in auto sull’oceano ghiacciato, che terminerà ai piedi della statua della libertà, nella quale si rifugeranno e ovviamente salveranno per puro culo.
[FINE SPOILER]

Da un film del genere non ci si può aspettare nulla di buono, e infatti non c’è una cosa che si salvi. Gli eventi si ripetono per oltre metà della pellicola, rendendo il viaggio dei protagonisti una lunga agonia per lo spettatore, alleviata solamente dagli effetti speciali: talmente pessimi da diventare la principale attrazione del film, anzi l’unica.

La combinazione Asylum - film catastrofico è sempre stata una disgrazia e questo film non fa certo eccezione. Trama banale persino per gli standard del genere, noia dilagante, recitazione classica Asylum (dunque pessima) ed effetti speciali che farebbero arrossire un Mega-Piranha.

Decisamente perdibile, se non siete nostalgici di JAG o ansiosi di imbarazzarvi davanti a dei gabbiani in stile Birdemic, risparmiatevelo.


Recensito da: Leotorda


VOTI
TRASH: 73/100
Noia: 80/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 88/100
Presunzione della regia: 31/100
Incapacità degli attori: 79/100






Se ti piace guarda anche: Post Impact, 2012: Supernova, un qualsiasi film catastrofico a basso budget.

2 commenti:

  1. ora che l'avete visto anche voi non mi sento più solo, di fronte a sto film :D
    comunque io gli avrei dato anche un voto più alto sull'inettitudine degli effetti speciali, penso siano di gran lunga i più brutti che abbia mai visto (e sì che di solito sono un gran fan della Asylum, come ben sapete)

    RispondiElimina
  2. Ripensandoci in effetti hai ragione!:D Probabilmente il voto è così "basso" perchè l'avevo confrontato con quello di Mega Piranha, che per me è uno dei film Asylum con gli effetti più brutti in assoluto!

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani