BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

31 gennaio 2012

TICKS - LARVE DI SANGUE

Di Tony Randel, con Rosalind Allen, Ami Dolenz, Seth Green, Virginya Keehne, USA 1993

Holly  e Charly, genitori della iperimbronciata Melissa, orgnizzano una gita per quattordicenni in montagna.
Invitano Tyler, falso teenager frustrato con zazzera ed orecchini, Panico, l'afroamericano col coltello a serramanico, Rome, il messicano lazzarone, Kelly, la cinese ammutolita e  Dee Dee, la ninfomane svogliata.
Con questa bella combriccola si recano sulle montagne sopra Los Angeles, in una zona infestata da campi di marihuana di Sir e Jerry.
Purtroppo delle zecche giganti in preda a deliri da LSD (cit.) hanno deciso di banchettare nella loro baita, dopo essere state modificate geneticamente da degli steroidi usati per far crescere più velocemente la marihuana ( insomma manca solo l'esperimento militare per chiudere il cerchio).
Queste zecche, sempre più grandi, affamate e minacciose hanno però purtroppo una caratteristica che le spinge molto in basso nella catena alimentare: sono delle segacce invereconde.
Sarebbero difatti le più crudeli e minacciose nemiche dell'uomo, se solo riuscissero a raggiungerlo.
Basta seplicemente scrollarsele di dosso, staccarle o spingerle via per sfuggire al loro potenzialmente doloroso morso, tanto che nel film le loro vittime sono un cane e il cattivo Sir, impacchettato però a dovere in precedenza da Tyler.
Gli altri personaggi si limitano ad impazzire a causa del rogo di una piantaione di marihuana.
Film piuttosto noioso con una trama debole che vanifica i buoni effetti grafici impegnati nela realizzazione delle zecche, veramente ben fatte e schifose al punto giusto.
Morale: ne uccide più la droga che la natura.

Recensito da: Ortnid

VOTI

TRASH: 65/100
Noia: 76/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 40/100
Presunzione regia: 65/100
Incompetenza degli attori: 4/100




Se ti piace guarda anche: Slugs, Bats, Rats etc etc

2 commenti:

  1. film che vidi per la prima volta su italia uno, per la serie notte horror, ne rimasi terrorizzato, ma solo per un motivo, aver notato che, ad interpretare il bullo fosse l'attore alfonso ribeiro, colui che faceva il cugino imbranato di willy il principe di bel air!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io lo vidi in quella notte estiva su Italia 1. Memorabile!!!

      Elimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani