BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

16 gennaio 2012

PAGANINI HORROR


Di Luigi Cozzi. Con Daria Nicolodi, Jasmine Main, Donald Pleasance. ITALIA/1989

Una pietosa pop band anni '80 guidata da una cialtrona con la bocca di Steven Tyler, è in crisi compositiva e tutto quello che compone è una merda (come il plagio di “You give love a bad name” di Bon Jovi). Dunque il batterista si imposessa di un' antica pergamena con su scritta un'inedita composizione del violinista dell'800 Niccolò Paganini, la cui leggenda narra che abbia venduto l'anima al diavolo per il successo. Senza un come o un perchè, la cattivissima produttrice comprende che dietro a questo pezzo di musica classica possa celarsi un clamoroso successo pop.
E allora tutti alla villa stregata per girare il video. E qui parte la solita tiritera della casa maledetta. Infatti, a parte il ridicolo espediente del video pop e di Paganini, il film assomiglia in maniera inquietante a quelle cagate del ciclo delle Case. Quindi gente che sparisce, un assassino con la maschera di Paganini, buchi, gallerie, scosse elettriche, sangue e gente che si chiama e si cerca a ripetizione.
Una disgustata Daria Nicolodi, che interpreta la padrona di casa, si aggira per il set chiedendosi il motivo di quello che sta facendo, mentre la protagonista Jasmine Main è una cagna spaventosa, affossata ulteriormente da un doppiaggio terrificante. Ma la cosa più incredibile di “Paganini Horror” è il filtro notte. Avete presente quel filtro blu che i film poveri usano di giorno per fingere che sia notte? Ecco qui è usato in maniera assolutamente ridicola e pretenziosa. Infatti la fotografia blu vorrebbe suggerirci che fuori sia buio, e allora perchè il cielo è bianco, i lampioni sono spenti e si vedono le ombre degli alberi sulla casa? Roba da non credere.
Ma anche il finale non è male.
[SPOILER]
L'assassino è il “fantasma” di Paganini che però è così stupido da dimenticarsi che lui muore al sorgere del sole. Infatti mentre lui suona beato dopo aver imprigionato la protagonista, ecco che dalla finestra filtra un raggio di luce.... e puff...rimane solo della cenere a forma di chiave di violino!
Geniale. Del resto Luigi Cozzi è quello di Scontri Stellari oltre la Terza Dimensione... mica cazzi.
[FINE SPOILER]
Siamo dunque di fronte ad un interessante horror anni '80 di un buon livello trash che consente di farsi quattro risate in compagnia. Sappiamo che "Paganini Horror" gode di una certa fama nel “nostro ambiente”, ma non fatevi abbindolare, l'eccellenza è altrove.
E ricordate che Paganini non ripete.
PS: Occhio all'onnipresente Donald Pleasance, più presente nel nostro blog di Azaghtoth.

Recensito da: Vidur

VOTI:
TRASH: 82/100
Noia: 64/100
Presunzione della regia: 55/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 86/100
Incapacità degli attori: 100/100 (alla protagonista) 78/100 (agli altri)




SE TI PIACE GUARDA ANCHE: Il Bosco 1, La Dolce Casa degli Orrori nel Tempo 4.



3 commenti:

  1. Geniale, al limite del sublime.
    L'ho guardato ormai non so più quanto tempo fa e lo ricordo come una cosa davvero abietta, infinitamente trash, girata e recitata (nonché sceneggiata) col c**o.
    Quindi degno di passare alla storia!

    RispondiElimina
  2. io voglio la colonna sonora ç_ç

    RispondiElimina
  3. Pensare che un mostro sacro come Donald Pleseance, abbia partecipato a questa porcata mi vien da piangere, poi però si scopre che il buon vecchio Donald, di pellicole di questo genere in Italia ne fece tanti in quel periodo, è quindi per lui partecipare a questo squallore era un brutto vizio, da cui non riusciva a fare a meno!!!!

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani