BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

2 ottobre 2011

CARIBBEAN BASTERDS

Di Enzo G. Castellari. Con Vik C. Ryan, Eleonora Albrecht, Maximilano Bruno. ITALIA/2010



Enzo Girolami Castellari è uno dei grandi registi di genere del cinema italiano, attivo soprattutto negli anni '70-'80. E' diventato celebre con una serie di film di vario genere tra cui «La Polizia incrimina, la legge assolve», «Il cittadino si ribella», «Vado...l'ammazzo e torno» e «Quel maledetto treno blindato», il cui titolo originale è «Bastardi senza gloria», poi ovviamente ripreso da Quentin Tarantino, a sua volta omaggiato nel titolo di questo film e nel nome di un personaggio.
Oggi, a 73 anni, Castellari ritorna sulle scene con questo «Caribbean Basterds»; richiamato dal nome del regista e da qualche recensione che ne aveva parlato bene, decido di dargli una possibilità. Pessimo errore. La verità è che il film è stupido, noioso, realizzato male ed eccessivamente violento e spinto. Sesso e violenza non sono certo un deterrente di per sè, ma è chiaro che in questo caso sono stati inseriti gratuitamente e con il solo intento di (ri)destare l'attenzione dello spettatore.
La trama: Roy e Linda sono due fratelli con un rapporto per lo meno ambiguo, figli di un ricchissimo trafficante d'armi in vacanza (?) ai Caraibi. Un giorno il bel Roy litiga col padre, ripudiando i suoi sporchi traffici, portandosi appresso la sorella. A loro si unisce lo stupido Josè, altro miliardario annoiato dalla vita che intraprende una relazione con Linda. I tre decidono di divertirsi facendola pagare agli amici di famiglia anch'essi trafficanti d'armi.
E così che travestiti da drughi di «Arancia Meccanica», i «pirati della giustizia» vanno a picchiare e violentare i sedicenti uomini d'affari. Il gioco però prende una brutta piega quando, a causa di un colpo sbagliato, si mettono contro i narcotrafficanti dell'isola guidati dal terribile Diego Tarantino. I tre si trovano dunque costretti a fuggire, ma lo stupido Josè cadrà nella trappola della polizia, spinto anche dalla gelosia verso Linda, vittima di un rapporto malato ed incestuoso col fratello. Vi risparmio i particolari ed inutili risvolti della trama, dicendovi che la fine sarà terribile per tutti.
Non sono poche le cose che girano storte in questo film. Innanzitutto una regia degli anni '70 nel 2010. Si passa dai classici primi piani stretti all'improvviso, al ritmo lento, agli stupidissimi ralenty nelle sparatorie, a scene di sesso e nudità totalmente gratuite, e soprattutto delle incredibili flashate in bianco e nero che fermano l'immagine nei «momenti clou».
La trama poi si accartoccia su sè stessa finendo preda delle sue contraddizioni: Roy molla il padre perchè stufo di sostenere il suo traffico d'armi, se non chè nella fuga finisce per comprare delle armi da chi? Ma da trafficanti d'armi ovviamente.
Aggiungeteci un paio di sequenze vodoo che non hanno alcun seguito e un finale mieloso e tirato troppo per il lungo e otterrete questo triste «Caribbean Basterds», che regala sì qualche momento di involontaria ilarità (soprattutto grazie alle magiche flashate), ma che si perde in un oceano di noia e imbecillità difficilmente superabili.
Consigliato solo agli arditi.


Recensito da: Vidur

VOTI
TRASH: 78/100
Noia: 86/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: n.p.
Presunzione della regia: 90/100
Incompetenza degli attori: 77/100

SE TI PIACE GUARDA ANCHE: qualche bel film di Castellari.

1 commento:

  1. Ossignur, questo me l'ero perso!
    In pratica Castellari s'è "vendicato" di Tarantino finendo per coprire il proprio nome di ridicolo?
    Povirazzo...
    Saluti!!

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani