BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

29 settembre 2011

LA NOTTE DEI MILLE GATTI (aka La Noche de los Mil Gatos)

Di Renè Cardona Jr. Con Hugo Stiglitz, Christa Linder, Teresa Velasquez. MESSICO/1972


Una merda invereconda. Così si potrebbe sintetizzare «La notte dei mille gatti». Questo pseudo-horror messicano del '72 è forse uno delle più grandi truffe della storia del cinema, una di quelle cose che ti lasciano triste e sgomento, consapevole di aver appena buttato via un'ora e diciotto minuti della tua vita, nonchè dei bei soldi ordinando questa merdata su internet. La trama vuole che Hugo, playboy miliardario, vada in giro per Città del Messico a rimorchiare donne, finchè non si stanca di esse; dunque, coadiuvato dal suo cameriere zoppo Dorgo, un sosia dell'ex portiere del Paraguay Chilavert, le uccide e una parte del corpo viene buttata in una fornace e l'altra viene data in pasto ai «feroci mille gatti» che vivono in cantina.
Ora, l'assunto portebbe neanche essere così male, peccato che la realizzazione del tutto è di una sciatteria e di una noia annichilente.
La stragrande maggioranza delle scene del film vedono Hugo Stiglitz (attore principe del cinema messicano, protagonista di «Incubo sulla città contaminata» e omaggiato da Tarantino in «Bastardi Senza Gloria»), andare in giro su 'sto cazzo di elicottero per tutta la città cerchiando di rimorchiare donne sedute in piscina. Poi una volta conquistata la donna, se la porta a letto, poi la sminuzza e la da in pasto ai gatti. Ad un certo punto, visto che non batte più chiodo, uccide il maggiordomo zoppo che l'aveva battuto a scacchi. 

SPOILER
Alla fine una delle sue conquiste si ribella e il bell'Hugo viene mangiato dai suoi stessi gatti, fuggiti dalla gabbia.
FINE SPOILER

Arrivare alla fine di questo film è stata un'agonia, visto l'estrema ripetitività delle scene, i quattro dialoghi in croce, il doppiaggio pessimo, la colonna sonora irritante e la totale incapacità attoriale di Stiglitz. La noia regna sovrana in questa cialtronata da quattro soldi, realizzata con palese disinteresse da parte di tutte le componenti.

In sostanza non è un film con dei riempitivi, è un riempitivo con un pò film (di merda) attorno.

Recensito da: Vidur

VOTI
TRASH: 42/100 
Noia: 96/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 64/100 (qualche pupazzo di gatto...)
Presunzione della regia: 74/100
Incompetenza degli attori: 87/100

SE TI PIACE GUARDA ANCHE: uno dei sei miliardi di film fatti da Renè Cardona jr.



1 commento:

  1. Secome, non avete visto granchè ne di Cardona, ne del horror messicano. Il film ha la sua originalita proprio nella sua incoerenza. Cardona ha sempre fatto film poco lineari e anche poco razionali (vedi anche il Triangolo delle Bermude), ma c'e la sua atmosfera e,, ebbene si, non ci sono altri film in cui i gatti si mangiano le vittime e un maniaco se ne va in giro in elicottero. Avreste preferito il classico fuoristrada e i coccodrilli? Suvvia....anche quando si critica un po di misura, merda invereconda..mi sembra fuori luogo

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani