BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

5 agosto 2011

MANGIA, PREGA, AMA (aka Eat prey love)


Di Ryan Murphy, con Julia Roberts, Javier Bardem, James Franco. USA/2010

Aspettate, lo so. Cosa c'entra una mega produzione hollywoodiana nel sito dove viene recensita la feccia su celluloide? Non molto, infatti sono stato indeciso fino all'ultimo se recensire o meno questo film. Ripensandoci però, la rabbia e l'indignazione che ho provato guardando “Manga, prega, ama”, meritano di essere segnalate.

La Roberts, che ormai centellina i suoi film manco fosse Orson Welles, è una scrittrice in crisi mistica appena uscita dal divorzio. Non sapendo cosa fare nella vita e avendo molti soldi da spendere, decide di viaggiare per il mondo. Prima andrà in Italia, poi in India e poi a Bali, in modo da poter ritrovare l'equilibrio perduto.
Ecco, Julia Roberts va in Italia. Giuro che non ho mai visto tanti merdosi stereotipi, banalità e clichè tutte insieme. Io non so davvero se gli americani hanno ancora quest'idea dell'Italia o se è stato voluto creare un contesto da cartolina che soddisfacesse le casalinghe dell'Idaho, ma il nostro paese e in particolare Roma, viene rappresentata in una veste talmente insopportabile da creare disturbi psico-fisici.

Dunque in “Mangia, prega, ama” vedrete:
- Julia Roberts che prende in affitto una casa a Roma. Ovviamente è una casa in centro, diroccata che cade a pezzi, senza scaldabagno. Forse non sanno che dietro a Piazza Navona, ci sono solo loft di 3000 mq con il wireless e la Jacuzzi.

- Ad affittarla c'è una vecchia siciliana che dice: “voi ragazze americane venite in Italia per la pasta e la salsiccia (da notare il doppio senso)”.

- Roma ovviamente è solo lastricata di acciottolati, in giro non c'è una macchina, ma solo gente che parla rumorosamente e gesticola.

- Il solitamente bravo Luca Argentero che si doppia da solo nella parte del bellimbusto italiano attaccato alla mamma, che va in giro con una vespa rossa o una 2 cavalli (una 2 cavalli nel 2011, ed è pure francese!)

- Una rissa di uomini d'affari per prendersi un cappuccino al bar. E quando dico rissa, intendo un'enorme massa di gente che urla e gesticola per ordinare un caffè, roba che manco all'autogrill di Ronco Bilaccio a Ferragosto.

- Un tizio chiamato Luca Spaghetti (no, giuro, Luca Spaghetti!!!!!!!!!!)

- Della gente che dal barbiere ovviamente non ha un cazzo da fare e che dice che tutti gli italiani non pensano altro che a mangiare e fare l'amore. Ovviamente nessuno lavora, in Italia i soldi crescono sugli alberi.

- Un corso di “gesticolazione” italiana, con tanto di corna, diti medi e palmo stretto fra i denti.

- Delle immagini di un derby Roma-Lazio del 2002 con Claudio Lopez nonostante il film sia ambientato nel 2010. A Roma solo la Lazio.

- L'allegra combriccola va a Napoli a mangiarsi la pizza margherita. Ovviamente di Napoli viene fatto vedere solo il solito rione incasinato con il mercato per strada.

- Altre cose varie che adesso non ricordo.

Insomma, come avrete capito viene dipinta un'insopportabile Italia da cartolina densa di clichè da anni '50 talmente insopportabili da sfiorare la querela.
Tutto il resto è una noia mortale, con la Roberts che se ne va in India a meditare dove trova l'inutile e stucchevole texano col trauma, per finire in una Bali confezionata giusto giusto per una bella promozione turistica.
L'insopportabile Javier Bardem riesce addirittura a peggiorare il film interpretando il solito affascinante uomo di mondo sensibile che piange perchè non ha visto il figlio crescere.
Perchè poi dovremmo simpatizzare per una scrittrice milionaria che vive in una reggia a New York e che per “trovare sé stessa” va a mangiare la pizza in Italia e a fare il bagno in Indonesia rimane un mistero.
Per fortuna c'è un po' di giustizia a questo mondo e su imdb il rating degli utenti è di un bel 5, voto quasi troppo generoso per questa megacagata hollywoodiana.
Viva La Tomba di Bruno Mattei.

Adesso scusate, vado mangiare gli spaghetti suonando il mandolino su una vespa con il mio amico Gennaro Lasagna.

Recensito da: Vidur

VOTI
TRASH: 57/100
Noia: 85/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: n.p.
Presunzione della regia: 91/100
Incapacità degli attori: 32/100 


3 commenti:

  1. Gennaro Quagliarulo07/08/11, 15:01

    Ahhmpf

    RispondiElimina
  2. mangia= Italia, prega=india, ama=Bali, passino le prime due ma la terza????

    RispondiElimina
  3. questo film lo volevo vedere anche io quando ho visto x la prima volta una pezzo d reclam in tv... poi ho cercato altre scene su internet e la mia reazione è stata più o meno la tua

    cmq Gennaro Lasagna mi ha fatto ridere x mezz'ora XD

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani