BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

23 agosto 2011

IL NOME DEL MIO ASSASSINO (aka I Know Who Killed Me)

Di Chris Siverston con Lindsay Lohan, Julia Ormond, Neal McDonaugh, USA, 2007, 360 Pictures


"Le persone si tagliano e dopotutto é la vita" (boh se lo dici tu...)

Finalmente approda su Pellicole dall'Abisso, “Il Nome del mio Assassino” vero é proprio pezzo di storia del cinema di serie z, pluripremiato, con ben 8 razzie awards (gli anti oscar per eccellenza); tra i quali é giusto ricordare: Peggior film, Peggior regia, Peggior attrice, Peggior sceneggiatura, Peggior pretesto per girare un film horror (quuest'ultimo, introdotto appositamente per questa pellicola, é veramente geniale! E mi ha convinto a vedere il film).
Devo dire, però, che mi sono avvicinato a questa pellicola con una certa spocchia, ah si 8 razzie awards? A beh capirai, che ne sapete voi della giuria dei razzie di film di merda? Avete mai visto Riecco Aborym, Bloody Psycho o Brotherhood-Patto di sangue? E invece devo ricredermi, perché se non ci lasciamo abbindolare dal figettume garantito da un budget sicuramente di livello, scopriremo che la pellicola in questione é veramente degna di essere considerata una pellicola dall'abisso.

Aubry (Lindsay Lohan) la classica brava e studiosa ragazza della provincia americana viene rapita e mutilata da un serial killer. Pochi giorni dopo la sua scomparsa viene trovata una ragazza mutilata, identica ad Aubry in tutto e per tutto, ma che dice di chiamarsi Dakota (sempre Lindsay Lohan), di essere una spogliarellista e di non ricordarsi nulla di ciò che le é successo, ma soprattutto dice di non essere Aubry! Sarà lo shock ad averle fatto perdere la memoria o c'é sotto qualcos'altro?

Il merito della pessima riuscita del film va da ascrivere oltre che ad una Linsday Lohan spaesatissima e ad una Julia Ormond semplicemente agghiacciante e meritevole di una denuncia al tribunale dell'Aia (si, penso che la sua interpretazione possa essere considerato un crimine contro l'umanità), va soprattutto attribuito al regista Chris Siverston il quale, evidentemente convinto di essere un genio visionario, decide di associare a ciascuna delle due protagoniste un colore, per Aubry é il blu elettrico, per Dakota il rosso scarlatto. Bene, e dopo aver avuto questa geniale intuizione, decide di darci sotto con il blu elettrico piazziadolo ovunque! Chissà che figo il risultato avrà pensato! Rose blu, pullover blu, guanti blu, cappellino blu, pure il collarino del gatto é blu! Ma cazzo Chris basta per favore con sto blu, dopo un ora hai abbondantemente rotto! E allora sotto con il rosso: strip club rosso, vestiti rossi, scarpe rosse... Dio santo, Chris mannaggia a te e ai tuoi colori primari del cazzo! Per fortuna che non c'era una terza Lohan sennò mi toccava pure il giallo canarino...
Ma come viene detto nel film “tutti abbiamo una metà, un doppio, un pari e un dispari, un positivo ed un negativo e via dicendo” anche nella realtà il buon Chris ha la sua degna controparte, ovvero il suo sceneggiatore Jeff Hammond. il quale partorisce una sequela di stronzate interminabile, tra cui un finale incredibile. Purtroppo per riportarvelo devo spoilerare a manetta:

SPOILER:

Dakota e Aubry sono effettivamente due persone distinte, due gemelle per la precisione, separate dalla nascita, perchè la mamma tossica di Dakota ha venduto Aubry per denaro. Ma le due sono rimaste legate da una specie di potere paranormale chiamato stigmate (?!), per il quale se una delle due si ferisce, pure l'altra si ferisce nella medesima maniera (sai che palle!). Grazie a questo potere Dakota riesce a ritrovare Aubry e liberarla dalle grinfie del serial killer, che si scoprirà essere l'ex insegnante di pianoforte di Aubry che tagliava mani e piedi alle sue ex allieve, così per hobby. E il movente? E boh non c'é, però in casa aveva una camera piena di gambe di legno appese al soffitto, non so se la cosa può interessarvi.

FINE SPOILER.

Concludo chiedendo scusa alla giuria dei Razzie Awards mai più metterò in dubbio il loro giudizio e la loro competenza, hanno dimostrato con “Il nome del mio assassino” di saper riconoscere la merda pura quando la calpest... ops volevo dire la incontrano.

Recensito da Azagthoth


VOTI:
TRASH 82/100
Noia 92/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 11/100
Presunzione della regia 95/100
Incapacità degli attori 83/100





SE TI PIACE GUARDA ANCHE: datti all'alcolismo come ha fatto la Lohan

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani