BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

26 aprile 2011

CUT – IL TAGLIAGOLE

Di Kimble Rendall. Con Molly Ringwald, Jessica Napier, Kylie Minogue. AUSTRALIA/2000/MHE


Ah, quei marpioni della Mondo Home Entertainment. La casa di distribuzione specializzata in merdate su celluloide, sa perfettamente come acchiappare i poveri gonzi quali il sottoscritto. Guardo infatti la confezione del DVD che strilla cose del tipo: “1980 IMMAGINI DA CARDIOPALMA! Livelli audio potenzialmente dannosi! Immagini ad alto contenuto shockante”, senza dimenticare che fra i contenuti extra c'è pure il “macking off” (scritto davvero così) e mi convinco di avere di fronte un'epica cazzatona degli anni '80, spacciata come un qualcosa di megaproibito e terrificante, tanto che miei pavidissimi compagni di ventura hanno avuto addirittura paura di vederlo.
E invece cosa mi ritrovo? Uno stupidissimo slasherino australiano girato nel 2000. Brava MHE, clap clap, ci sono cascato in pieno.

La trama narra sostanzialmente di un gruppo di studenti di cinema che vogliono portare a termine un film horror girato negli anni '80. “Hot Blooded” fu infatti lasciato incompleto a causa dell'assassinio della regista, interpretata da Kylie Minogue in un cameo (invecchiata male Kylie, che ti è successo?). Da lì in poi tutti quelli che hanno provato a portare a termine questo film o lo hanno semplicemente visto, sono stati brutalmente uccisi.
La regista Raffy e la sua troupe però, sono decisi a provare a finirlo e riescono anche ad ingaggiare l'attrice protagonista nel film originale, Vanessa, interpretata da Molly Ringwald. Cosa ci faccia Molly Ringwald (una vera star negli anni '80, ricordate “Breakfast Club”?) in questo film non me lo spiego, se si esclude il clichè “tutti hanno un mutuo da pagare”.

“Cut” è sostanzialmente divisibile in tre parti. La prima parte è abbastanza tediosa e autoreferenziale, con la presentazione dei personaggi, con continue invettive moraleggianti su quanto siano educativi i film horror e sulla metacinematografia.
Nella seconda entra in azione l'assassino, che ovviamente ha le fattezze dell'assassino del film che stanno girando, con tanto di camicia blu e maschera di cera. Il killer pazzo, dotato di un paio di cesoie, inizia a fare a fette chiunque incontri senza soluzione di continuità, rispettando il solito copione e ricalcando passo passo gli altri 700mila film di questo genere.
Nella terza però “Cut” inizia a deragliare con una serie di interessanti cagate, facendo impennare il suo voto trash, altrimenti bassissimo.

SPOILER
La spiegazione dell'esisitenza del killer? - “E' stato creato dalle energie creative del film!” - “E come possono delle energie creative aver prodotto uno psicopatico?” - “Basta parlare, andiamo!”.
Chiaro, no? E' stato la magia del film a creare l'assassino, quindi basterà bruciare la pellicola per farlo sparire!
Questa è sostanzialmente la soluzione, senza dimenticare che quello che salva la povera regista nelle mani dell'assassino, è riuscito a sopravvivere con una trave conficcata nel collo da parte a parte.
FINE SPOILER
Insomma “Cut – Il Tagliagole” è per buona parte il solito noioso e stereotipato slasher realizzato con due idee e quattro soldi, ma che grazie ad un finale particolarmente idiota, riesce a risollevarsi almeno in parte.

Certo, mi aspettavo una bella Menabrea ghiacciata e mi è arrivata una Virgin Colada, ma bisogna sapersi accontentare...

Recensito da: Vidur


VOTI
TRASH: 68/100
Noia: 70/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 44/100
Presunzione della regia: 84/100
Incompetenza degli attori: 53/100

SE TI PIACE GUARDA ANCHE: un qualunque “Scream”, “Halloween” o “Venerdì 13”.

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani