BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

6 febbraio 2011

SNAKES ON A TRAIN

Di "The Mallachi Brothers", con Julia Ruiz, Giovanni Bejarano, Al Galvex, USA/2006/The Asylum

Quasi ce l'avevano fatta, ci sono andati vicinissimo, dovevano resistere ancora cinque minuti cinque, ma è stato più forte di loro. Alla Asylum non riescono a vivere se non rendono ogni loro film una porcata indecorosa. E' clamoroso, anche difficile, ma sono riusciti in tre minuti scarsi a rovinare un prodotto che aveva inaspettatamente e forse involontariamente una sua dignità [e tutto ciò a dispetto del titolo stupidissimo e attira-tordi che riprende il film ''Snakes on a Plane''. NDImrhail].

Ma andiamo con ordine. Il messicano (assoluto sinonimo di maya nei film americani, come più volte detto in questo blog) Brujo è fuggito dal suo paese con la sua bella (si fa per dire) Alma che doveva essere data in sposa ad un altro, per questo lo stregone del villaggio le ha lanciato contro una terribilile maledizione: continuare a generare serpenti che cercano in tutti i modi di uscirle dal corpo ma che fanno comunque parte di lei che non può vivere senza. Sti cazzi direte voi, questo potrebbe danneggiare seriamente la salute, ma la cosa peggiore della maledizione è che l'unica persona in grado di toglierla si trova a Los Angeles, e per un messicano arrivare a Los Angeles è un po' come per un pesce raggiungere una pescheria da turista e tornare a casa.
I due iniziano così un viaggio clandestino oltre il confine fino ad una cittadina dove salgono come imboscati su di un treno diretto Los Angeles. Inutile dire che su quel treno ci sono più messicani clandestini che passeggeri.
E lì la loro misera e rivoltante storia si mescola ad altre storie altrettanto misere e rivoltanti.
C'è l'ingegnere pelato che torna a casa, il complessato schizzofrenico, la bellamascema che porta innocentemente droga con se e che viene beccata in quattro psicosecondi dal ranger del treno che "patteggia" la pena, l'agente segreto che becca il ranger che "patteggia" la ragazza e lo uccide, dei clandestini che messicaneggiano tutto il tempo, il capotreno che chiede i biglietti, insomma tutti i personaggi che si incontrano su qualunque treno del mondo (a parte il Milano-Busto Arsizio della domenica mattina, ostaggio degli hip-hop sudamericani, NDR).
Il film scorre, come il viaggio del treno, condito all'inverosimile da serpenti che continuano ad uscire schifosamente ma in maniera convincente dalla bocca di Alma e Brujo che li ricaccia dentro recitando antiche preghiere Maya ("Sutra Sutra palapeliggos sutra stocazzolutos"), questo finchè i serpenti non decidono di esplorare anche il resto del treno insediandosi di qua e di la fra un sedile e le budella di un passeggero.
Come già detto il film scorre più che dignitosamente, buoni attori, dialoghi decenti, episodi con un minimo di senso, un film da oscar conoscendo i canoni dell'Asylum, ci eravamo seriamente convinti che ci fossero riusciti a produrre qualcosa di accettabile ma in cuor nostro lo sapevamo, la Asylum non ti delude, MAI!
Come un gol di mano in fuorigioco all'88' di una partita stradominata (il film dura appunto 90 minuti) ecco apparire in maniera assolutamente gratuita un serpentello che dopo essersi mangiato Alma e Brujo cresce a dismisura arrivando a diventare più grande del treno e ad ingoiare lo stesso prima di svanire nel nulla, il tutto in un tripudio di pixel e di computer grafica di serie C, assolutamente senza senso e vanificando clamorosamente il buon prodotto confezionato fino a quel momento. Ma del resto sarebbe stata una delusione il contrario. Chapeau Asylum.

Recensito da Ortnid


VOTI
TRASH 65/100
Noia 65/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 0/100 fino all'88, poi 100/100
Presunzione della regia 80/100
Incapacità degli attori  40/100


Se ti piace guarda anche: Un film di Kubrik, quando mancano 3 minuti alla fine cambia canale e metti su "Domenica In"

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani