BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

26 gennaio 2011

Il RITORNO DI SCARECROW (aka Scarecrow Gone Wild)

Di Brian Katkin con Matthew Linhradt, Samantha Aisling, Ken Shamrock, USA/2004/Urban Girls Productions

Ancora una volta GXT non tradisce la fiducia che ho sempre riposto in lei, e decide di deliziarmi con niente popo di meno che il “Ritorno di Scarecrow”! Il film é addirittura il terzo episodio di una trilogia (ebbene si sembra impossibile ma ne hanno fatti altri due, ah e stando ad imdb pare siano pure peggiori, incredibile!) legata ad un mostruoso spaventapasseri che massacra i teeneger. In pratica ci viene riproposta il solito classico slasher, solo che a condurre la mattanza di giovinetti invece di esserci un Jason o un Micheal Meyers, c'é uno spaventapasseri.
Lo spaventapasseri in questione ritorna in vita per vendicare lo sfigato della compagnia, che i suoi amici idioti hanno spedito accidentalmente in coma, e così il massacro a inizio. La sceneggiatura é, come potrete immmaginare, di una piattezza imbarazzante ed inoltre il buon Brian Katkin ci mette pure del suo, impiegando fotografia sciatta come poche, temi musicali casuali inseriti in momenti casuali, e per di più pensa bene di girare la seconda parte del film di notte, dove per girata di notte leggasi buio, ergo non si capisce una mazza!
Ma almeno un merito Brian Katkin ce l'ha: in aiuto dei suoi giovani protagonisti fa intervenire il classico coach da film americano, che si rivelerà però essere niente meno che... Ken Shamrock!!! Ebbene si il coach é proprio lui, la leggenda delle arti marziali miste Ken Shamrock. Il buon Ken appena presentatosi ai ragazzi sboroneggia alla grande, racconta che lui ha già affrontato Scarecrow in passato e ha saputo sconfiggerlo, erano i tempi del Pride e lo ha finalizzato due volte. Appena finito di parlare ed ecco che compare lo spaventapasseri! E così via al match del secolo Scarecrow vs Ken Shamrock! Purtroppo gli anni passano per tutti, il povero Ken non é più quello di una volta e lo spaventapasseri sarà pure fatto di stracci e paglia ma non é l'ultimo dei pirla, si guarda bene dal farsi portare a terra, costringe l'avversario a combattere in piedi e lo manda KO alla prima ripresa.
Nonostante questa grave dipartita, il film riesce comunque a mantenersi a buoni livelli di trash con alcune trovate azzeccate, tipo portare lo sfigato in coma in un ospedale, però in uno che é ancora in costruzione (!!!), dove lavora una sola persona (!!!) ovvero il bis cugino della moglie del cognato della protagonista, o con ridicole digressioni sulla nascita dello spaventaparsi del tipo: “Un bambino sarebbe stato ucciso e la sua anima si sarebbe fusa con quella dello spaventapasseri?””Fusa?””Si una specie di metamorfosi.... Lo spaventapasseri ha assunto la personalità del bambino...” si come no un po' come in Dragonball no? F-U-S-I-O-N-E. Non dimentichiamoci poi del finale, dove ci viene mostrare un ipotetica terza legge di Ohm:

SPOILER
Facendo attraversare il corpo di uno sfigato dalla corrente, tramite uso di un defibrillatore, si causa la morte di uno spaventapasseri, e si rende lo sfigato in grado di cedere a sua volta corrente, nonché di cedere l'appena acquisita spaventapasserità (quest'ultimo termine va inteso come il comportarsi come uno spaventapasseri assassino!)
FINE SPOILER

Insomma “Il ritorno di Scarecrow” risulta essere un discreto trashino, che nonostante una trama banale e una regia piatta riesce comunque a regalarci qualche ghignata.

Recensito da: Azaghtoth

VOTI
TRASH 66/100
Noia 78/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 86/100
Incapacita degli attori 77/100
Presunzione della regia 75/100

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani