BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

24 ottobre 2010

VIRUS (aka Hell of the Living Death)

Di Bruno Mattei e Claudio Fragasso con Margit Evelyn Newton, Franco Garofalo, Selan Karay ITA/1980/Beatrice Film

Il nostro primo (e per il momento unico sondaggio) sta volgendo al termine e benché solo domani avremo l'ufficializzazione del vincitore, possiamo già dire che un plebiscito ha sancito che il regista italiano più trash di tutti i tempi sia il buon Bruno Mattei. Per celebrare degnamente la sua bulgara affermazione, ecco a voi la recensione di “Virus”, che tra i suoi film sarebbe, a suo dire, forse il più riuscito.

Non temete amici appassionati di film di merda, checché ne dica Mattei questo film non é affatto riuscito, tuttavia non riesce nemmeno ad essere involontariamente divertente se non a tratti.

Il film parte da un disastro in una centrale chimica situata in un luogo imprecisato in mezzo alla giungla, a seguito di questo disastro gli uomini iniziano a tramutarsi in zombie, per fermarli verrà mandata una squadra speciale composta da duri, a cui si uniranno dei coraggiosi giornalisti.

Sin da subito é evidente come la confezione tecnica sia indecorosa, i componenti della “squadra speciale” indossano delle tute da meccanici in stile video di “Uptown Girl” di Billy Joel (mi raccomando sto parlando del video relativo alla versione capolavoro di Billy Joel, cioé questa, non la merdosissima cover fatta dai Westlife) e le loro armi sono poco più che penosi giocattoli di plastica, quelli che se per sbaglio li regali a tuo figlio, prima ti vomita in faccia, poi te li rompe in testa. Il make up degli zombie? Quattro vesti stracciate e un po' di fango in faccia. Trama che scorre prevedibile e senza sussilti, anche se ad essere onesti Bruno prova a regalarci qualche chicca, come a voler dimostrare che se é considerato così scarso, un motivo ci sarà:

Innanzitutto, allo scopo di allungare la minestra, vengono inserite scene di animali tratte da documentari a caso, animali che tra l'altro per lo più hanno come habitat la savana e che con la giungla non c'entrano niente! Oddio sempre meglio che prendere spezzoni di altri film, come ha fatto Mattei in altre pellicole, come “La Tomba” ad esempio, ma ciò non toglie che sia un espediente di uno squallore immenso.

Ma soprattutto Mattei per cercare di risvegliare l'interesse dello spettatore, ormai in stato comatoso dopo appena 10 minuti di visione del film, mostra un paio di tette, con quello che penso sia l'espediente più pretestuoso della storia del cinema: la giornalista, per cercare di interagire meglio con la tribù del luogo, si mette un patetico costumino, che le lascia completamente scoperte le tette, che il buon Mattei non manca di mostrarci subito in primo piano!

Insomma “Virus”, aldilà di qualche spunto qua e là non riesce a divertire lo spettatore, e sinceramente non mi sento di consigliarne la visione, nonostante quello che diceva Bruno Mattei a riguardo, ovvero che Quentin Tarantino aveva dichiarato che Virus era uno dei suoi film cult! Della serie: si Bruno come no...

Recensito da: Azagthoth

VOTI

TRASH 66/100
Noia 88/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 72/100
Presunzione della regia 79/100
Incapacità degli attori 78/100

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani