BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

10 ottobre 2010

TERRORE IN CITTA' (aka Silent Rage)

Di Micheal Miller, con Chuck Norris, Brian Libby, Toni Kalem USA/1982/Columbia Pictures Corporation

Potevamo noi di Pellicole dall'Abisso perderci la prima nonché unica escursione nel genere horror di Chuck Norris? Per niente al mondo! Ed eccoci quindi qui a commentare questo "Terrore in Città".
Il film inizia con un poveraccio che oppresso da una madre rompicazzo, dai dei mocciosi urlanti e da un telefono che squilla da di matto ed inizia a far a pezzi tutti a colpi di accetta, interviene dunque il buon Chuck che lo arresta dopo uno lungo scontro. Il manigoldo non ci sta e prova a svignarsela, ma viene impallinato dagli altri sceriffi, i quali, dopo essersene stati a grattarsi sotto le ascelle, mentre il povero Norris si faceva tutto il lavoro sporco, decidono che forse é il caso di fare qualcosa. Il pazzo viene portato in ospedale in fin di vita, e mentre viene curato con una super cura sperimentale che gli permetterà di rimarginare all'istantea qualsiasi ferita e di diventare di fatto invulnerabile (bella idea tra l'altro, considerato che un folle con tendenze omicide), Chuck si mette a tacchinare la sorella del medico. Niente da dire l'inizio del film é fulminante ma a questo punto ci areniamo in un momento di stanca, i medici ci intrattengono con le solite diatribe del tipo: "Ah ma non sarà troppo audace quello che stiamo facendo? Siamo solo uomini non dobbiamo giocare a fare dio!" e via dicendo mentre fissano un pc, che nelle intenzioni del regista, dovrebbe mostrarci una struttura del DNA ma in realtà ci mostra solo uno schifossissimo screen sever del tipo "Aurora Boreale". E Chuck? Beh lui é un uomo d'azione e se ne sbatte delle dotte disquisizioni, quindi passa il tempo trombandosi la pollastra e massacrando a calci rotanti una banda di motociclisti, i quali avevano come unica colpa era quella di amare un pò troppo la tequila. Abbiamo infine il ritorno in vita dell'assassino, il quale inizia ad ammazzare i medici, così per riconoscenza immagino, e anche il vice-sceriffo, un ciccione amicone di Chuck, il quale detto per inciso é una macchietta insopportabile [senza contare la sua partecipazione in ''Animal House'', nel ruolo di ''Sogliola'', NDimrahil], prima di essere affrontatato e sconfitto da Chuck, il quale d'altronde é molto arrabbiato con il folle, reo di avergli rovinato i piani per il week end, ovvero andarsene in baita con la tipa. Da segnalare come ultimo colpo di coda della pellicola, l'escamotage utilizzato da Chuck per risolvere il piccolo problema rappresentato dall'invulnerabilità del suo antagonista;
SPOILER:
Ovvero buttarlo giù in un pozzo! Ma come direte non era invulnerabile? Certo! Infatti lui mica muore, ma finchè se ne sta nel pozzo e non rompe la minchia a nessuno, Chuck può andarsene in baita e passare un tranquillo week end. Al massimo se quando torna ne uscito, pazienza ce lo ributterà, così ecco già pronta la trama per il sequel!
FINE SPOILER
Tirando le somme, "Terrore in città" riesce a divertire, nonostante alcune part i decisamente noiose, a patto di non farsi tradire da eccessive aspettative legate alla presenza del buon Chuck!

Recensito da: Azagthoth

VOTI:
TRASH 71/100
Noia 77/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 57/100
Presunzione della regia 61/100
Incapacità degli attori 76/100


1 commento:

  1. ...io apprezzo il baffo.. però Chuck Norris senza barba mi fa' uno strano effetto.. :(

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani