BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

24 ottobre 2010

IL COLLEZIONISTA DI OCCHI (aka See No Evil)

Di Gregory Drak con Glen Jacobs, Christhina Vidal, Michael J. Pagan USA, 2006, World Wrestling Entertainment


Me ne stavo triste sul divano, convinto che nulla potesse rallegrare la mia serata di giovane malato, quando tadaaaaan! Mi ritrovo sintonizzato su gxt e di fronte a me compare il logo della Wwe films! Forse non tutti voi lo saprete ma la Wwe (o World Wrestling Enterteinment) é la più importante federazione di wrestling del pianeta, la quale tuttavia ha anche la malsana abitudine di far girare film alle proprie stelle. I film targati Wwe sono una vera garanzia: nella migliore dell'ipotesi sono delle cazzatone spassose e senza pretese, come “Il Tesoro dell'Amazzonia” con The Rock, nella peggiore invece sono degli immani abomini del calibro di “Presa Letale” con John Cena, tanto per citarne uno. In questo caso il wrestler protagonista è Kane, al secolo Glen Jacobs, il quale contro ogni previsione non si rivelerà inadatto alla parte, anzi sarà tutto sommato il migliore tra gli attori coinvolti, il che la dice lunga sulle capacità recitative degli altri peraltro.
Ma veniamo al film: un gruppo di detenuti viene spedito a riqualificare un edificio in rovina, ad accompagnarli c'é un poliziotto, il quale alcuni anni prima aveva perso un braccio, mentre cercava di arrestare un maniaco che cavava gli occhi alle vittime. Così mentre la combriccola si ritrova isolata nell'edifico, appositamente isolato per impedire la fuga dei detenuti, ecco che il maniaco torna a colpire... il film parte subito malissimo, la regia é insopportabilmente videoclippara, detenuti sono presentati con un'introspezione psicologica che rasenta lo zero. In pratica i detenuti maschi sono delle specie di babbuini idrofobi che passano il tempo ad insultarsi ed azzuffarsi tra di loro, mentre le femmine si insultano e basta. Per fortuna che c'é Gregory Dark (che solo per aver scelto un nome d'arte così idiota credo meriti la dannazione eterna, della serie “eh si faccio film horror e allora mi chiamo Dark, che idea fica!”, ma vai a cagare va'...), il quale prende in mano il timone e rivoluziona tutto. Infatti come il serial killer compare, ecco che i galeotti, che fino a poco fa si stavano accoltellando o struprando a vicenda, fanno gruppo ed iniziano a lottare fianco a fianco, pronti a rischiare la vita l'uno per l'altro. Si segnala soprattutto in quest'ottica il detenuto più infame di tutti, ovvero lo spacciatore/rapinatore/pappone, il quale si rivela un po' l'eroe della situazione, rusciendo a salvare la vita alla ragazza che aveva costretto a prostituirsi/spacciare, il tutto dopo essersi peraltro comportato da stronzo per metà della pellicola. Che dire del serial killer? Mah, Kane come detto non se la cava male, purtroppo il suo personaggio é un po' troppo banale e monodimensionale, con il classico trauma necessario più che altro a garantire un po' di violenza, anche abbastanza gratuita nello specifico. Insomma “Il Collezionista di Occhi” é il classico film da vedere sdraiti sul divano, con una coperta addosso e il cervello spento per farsi quattro risate.
Recensito da: Azagthoth

VOTI

TRASH 63/100
Noia 77/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 55/100
Presunzione della regia 82/100
Incopetenza degli attori 71/100

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani