BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

11 settembre 2010

CAPRICCIO VENEZIANO


Di Vincent Dawn (Bruno Mattei), con Emily Crawford, Gualberto Parmeggiani (?!), Juliana Jerrugan
Italia/2003

"Ciao bea mona viè su in barca"
Gondoliere finemente invita a salire delle clienti

Roberta ha un enorme naso ed insegna musica. Lorenzo è un pittore palestrato (senza particolare talento per altro). Si amano. Cioè, boh, comunque sono ''travolti dalla passione''. Ma a lui piacciono anche le prostitute nigeriane.

Prendete un film porno. Si, un film porno. No, non un erotico vagamente spinto, tipo Tinto Brass (a cui è attribuita questa ciofeca su alcuni siti), dico i film tipo ''alla mamma piace il cazzo negro''. Fatto? Bene, sottraete il porno. "Ma come!" direte ''Cosa dovrebbe rimanere?''. Per l'appunto, poco o niente: quei microdialoghi, quelle sequenze idraulico/casalinga in cui l'idraulico dice ''Signora qui è un casino bisogna sostituire tutti i tubi, bisogna aspettare il mio collega. Nel frattempo però lei potrebbe controllare il mio tubo...". Fantastico, siamo al capolinea, o quasi: Capriccio Veneziano è un collage  (assolutamente dettato dal caso tra l'altro) di queste brevi scene preamplesso, con la differenza che di per se non portano da nessuna parte. Cioè, puoi supporre che ci sia stato un rapporto sessuale, a volte ne vedi anche l'incipit o un tentativo si far vedere qualcosa di trasgressivo, ma sostanzialmente la scena cambia ''sul più bello'' (ed anche prima). La pornografia e l'erotismo sono nella mia visione due cose estremamente diverse; il film erotico ti eccita perchè ha una trama intricata, perversa magari, losca.. si vede poco e si immagina molto insomma. Il porno è l'esatto opposto, tu vuoi guardare le tettone e il tipo che sgroppa perchè, senza girarci troppo attorno, ti vuoi masturbare. A nessuno frega un cazzo della trama di un film porno. Ed infatti non c'è. Questa mia riflessione ovviamente è alla portata anche di un bambino di 8 anni, l'ho palesemente fatta solo per allungare questa recensione perchè su questo film oggettivamente non c'è nulla da dire. Questo lungometraggio ha la trama di un film porno, e le immagini hard di un film erotico, con il concetto  di "erotico" di un settantenne; in poche parole questo lungometraggio è totalmente inutile ed insignificante. Inoltre ora odio Vivaldi: avete presente l'incipit della primavera di Vivaldi? taaan tan tan tan tatataaaaaaaaaaaaaaan, taaa ta tan tan tan tatataaaaaaaaaaaaaaaaaaaan? Viene riproposta praticamente ad ogni cambio di scena, ad un volume altissimo. Vi giuro volevo morire. La recitazione è nello standard di un film porno, e di un film di Bruno Mattei per altro (facciamoci delle domande). Insopportabili le comparse doppiate in veneziano che dicono frasi fatte tipo ''sciò va' in mona schei vin buteo'' del tutto stereotipato ed in un certo senso paragonabile a quanto visto ne ''La croce dalle sette pietre'' per quanto riguarda i napoletani che invocano San Gennaro. 

Un film che crea un discreto imbarazzo nello spettatore, non tanto per le scene hard, ci mancherebbe, ma per la pochezza dei contenuti e la poca cura, sia dei dettagli che di tutto il resto. Evitatelo perchè, per di più ,non fa' neppure troppo ridere. Ciao Bruno (non) ci manchi.

Recensito da: Imrahil

VOTI:
TRASH: 57/100
Noia: 89/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: -
Presunzione della regia: 7/100
Incapacità degli attori: 88/100

No, non è di Tinto Brass.





Se ti piace guarda anche: la canna della pistola rivolta verso la tua testa

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani