BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

31 agosto 2010

GIALLO

Di Dario Argento con Adrien Brody, Emmanuelle Seigner, Elsa Pataky, ITA 2009


Per me che sono cresciuto con il mito di "Profondo Rosso", primo horror/thriller (insomma film pauroso) che io abbia mai visto, mai mi sarei aspettato di dover recensire una pellicola di Dario Argento in un sito di film di serie z, ma come ha dimostrato l'odierno ingaggio di Rinaudo da parte della Juventus, purtroppo quando pensi che il peggio sia passato ti trovi spesso a scoprire che invece non ha limite.
Da dove vogliamo partire? Dalla trama, eccola: un serial killer traumatizzato sequestra e uccide brutalmente belle ragazze, sulle sue tracce si metteranno un commissario (Adrien Brody) pure lui traumatizzato e la sorella (Emmanuelle Seigner) dell'ultima ragazza rapita.
Il film parte malissimo, la fotografia é quella di un qualsiasi thriller girato direttamente per la tv, di quelli che infestano i martedì sera di Rai 2 tanto per intenderci, ciò unito ad una trama che suonerebbe già risaputa anche nel Cenozoico ci fa capire immediatamente che il film tutto sarà fuorché qualcosa di memorabile.
Ci rimane comunque la speranza di poter, se non altro, assistere ad un onesto thriller, in grado di intrattenerci piacevolmente per un'oretta e mezza; invece ad annichilire anche quest'ultima speranza ci pensa una delle sceneggiature più squallide dell'intera cinematografia argentiana.
Innanzitutto parliamo del serial killer, tanti elementi non contribuiscono alla ruscita del personaggio: non é uno dei personaggi in scena dunque non possiamo neanche divertirci a scoprirlo, come nel più classico whodunit, il serial killer ci viene rivelato a metà pellicola quindi niente sorpresa finale, inoltre ha una somiglianza imbarazzante con Gargamella, il cattivo dei puffi, ma soprattutto ha il movente più idiota che la storia ricordi:
INIZIO SPOILER:
Come ci spiega con solennità il buon Adrien Brody: "He doesn't like beautiful things".
Capito che psicologia sottile? A lui non piacciano le cose belle, perché lui é brutto come scopriremo, e quindi uccide le belle ragazze. Complimenti, pensate che ci si sono messi in tre (Argento, Keller ed Agnew) per partorire questa genialata
FINE SPOILER

Ora so che qualcuno penserà: "va beh dai ma c'é di peggio, ne "Il cartaio" Silvio Muccino dice che gli passa come un vento tra le mani quando gioca a videopoker, no dai vuoi mettere?"
Il fatto é che questo é solo l'inizio, il colpo di grazia al film lo da l'incredibile storia personale del commisario Avolfi.

INIZIO SPOILER:
Sconvolto dall'aver assistito all'omicidio della madre, quando era ancora bambino, il buon Avolfi troverà il modo di vendicarsi uccidendo l'assassino, verrà per scoperto dal suo futuro superiore, il quale dopo aver ascoltato la sua storia lo aiuterà a diventare commissario!
Si certo come no... Sono cose che capitano tutti i giorni... Sisi assolutamente plausibile...
FINE SPOILER

Dopo un idiozia del genere il film sbraca totalmente, grazie anche al ridicolo espediente con cui viene scoperto l'assassino e ad un finale che vorrebbe essere amaro ma riesce solo ad essere incommentabile, di quelli che ti fanno solo piegare la testa con l'aria rassegnata.
Tirando le somme questo film é consigliato ad un amante del trash? Dipende, se di Dario Argento non ve ne é mai fregato niente guardatevelo le ghignate sono garantite, se però avete amato film come "Profondo rosso" e "Suspiria" (tra l'altro citati entrambi tanto per aumentare la tristezza) e sentendo pronunciare la parola "argento" non pensate solo ed esclusivamente al prezioso metallo, beh allora risparmiatevi lo strazio della visione di "Giallo", ve lo consiglio con il cuore.

Recensito da: Azagthoth


VOTI:
TRASH 70/100
Noia 65/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 50/100
Presunzione della regia 70/100
Incapacità degli attori 70/100

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani