BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

22 agosto 2010

BARB WIRE

Di David Hogan con Pamela Anderson, Udo Kier, Temuera Morrison, USA/1996/Dark Horse Entertainment


"Non chiamarmi baby!"


"Barb Wire" appartiene a quella categoria di film che hanno un solo ed unico scopo, quello di cercare di lanciare nel mondo del cinema qualcuno che con il suddetto mondo non dovrebbe aver mai nulla a che fare. Come potete immaginare questa categoria di pellicole raccoglie alcuni tra i più agghiaccianti aborti che la storia ricordi, come "Presa Letale" con protagonista il wrestler John Cena tanto per citarne uno.
Il nostro "Barb Wire" ha invece l'arduo compito di lanciare nel firmamento delle stelle hollywoddiane Pamela Anderson (qui pure Lee) e noi dopo 14 anni possiamo dire con il senno di poi se fu vera gloria ovvero: Pam é diventata una star del cinema? La risposta é no. La causa? Forse il film in questione faceva altamente cagare? La risposta é si.
La vicenda é ambientata in un futuro post cataclisma (in questo caso la seconda guerra civile americana) in cui da una parte ci sono i govenativi, classici cattivoni simil nazi, dall'altra ci sono i ribelli, buoni, scalcinati e con le pezze al culo nel mezzo c'é la protagonista una cinica (almeno all'apparenza) mercenaria di nome Barb Wire.
Ora se ti chiami Kurosawa o Leone da questa premessa puoi anche far nascere un gran film, ma se ti chiami David Hogan evidentemente no. Il film non decolla mai, il soggetto é di una piattezza avvilente, insomma tutto é buttato sulle spalle di Pamela Anderson. E lei? Beh lei durante tutta la durata del film sembra semplicemente annoiata, annoiata a morte. Probabilmente se ne era accorta pure lei che questa schifezza non se la sarebbe filata nessuno.
Non perderò tempo a dilungarmi sulla fedeltà o meno al fumetto da cui é tratto, per due motivi fondamentali: primo, preché non l'ho mai letto, secondo, perché non credo che a nessuno, dal regista all'ultimo dei truccatori sia mai fragato qualcosa del personaggio di Barb Wire e della sua storia, come ho già detto l'unico scopo del film era lanciare Pamela Anderson, tutto il resto é solo contorno. E la cosa si nota e molto purtroppo.
Dai Pam non te la prendere, rimarrai C.J. Parker di Baywatch per sempre ma il cinema lascialo perdere va che é meglio.
Accludo il video del singolo che ha accompagnato la distribuzione del film Welcome to Planet Boom di Tommy Lee perché é una delle cose peggiori che io abbia mai ascoltato in vita mia.

Recensito da: Azagthoth


Voti
TRASH 51/100
Noia 77/100
Ridicolaggine degli effetti speciali 50/100
Presunazione della regia 55/100
Incapacità degli attori 60/100





Se ti piace guarda anche: il video porno privato sottratto alla coppia Tommy Lee - Pamela Lee

2 commenti:

  1. ...Il film, sottoscrivo, è una merda. in compenso se volete vedere Pamelona nel massimo della sua figaggine penso che questo cesso sia stato girato nel momento giusto. da rimanere a bocca aperta come un ragazzino delle medie che scopre la pornografia

    RispondiElimina
  2. se si vuole vedere pamela al massimo della sua bellezza, vi consiglio il film indagine ad alto rischio, dove mostra tutto il suo "talento"

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani