BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

25 luglio 2010

MEGAFORCE

Di Hal Needham, con Barry Bostwick, Michael Beck, Henry Silva. USA/1982

Un esercito di atleti superdotati mercenari, guidati dal comandante Asso, ha il compito di sconfiggere un misterioso stato pseudo-comunista che sta mettendo a repentaglio la pace nel mondo.

O almeno credo, perchè la trama è assolutamente incomprensibile e delirante. Un insensato intreccio fantapolitico da cui è impossibile districarsi e di cui è comunque impossibile interessarsi. Ben presto infatti ve ne fregherà poco e un cazzo chi siano quelli o cosa fanno, o perchè succede una determinata cosa.

Il film infatti è un'accozzaglia di scene di azione noiosissime e abbastanza ridicole, con delle ape-car ricoperte di cartone e dei motorini Ciao, o delle Gilera 125 nel migliore dei casi, rinforzati col polistirolo.

A parte ciò, il dispiego di forze per questo titolo bisogna dire che è comunqe notevole.
Battaglie, scontri, esplosioni di ogni tipo e astro-carri armati così ben fatti, che sembra addirittura che qualche militare americano abbia chiesto consulenza ai produttori per costruirne di veri (!!!).

Si nota anche come tutto il cast sia coinvolto e creda veramente nel progetto, a partire dal mezzo clone di Chuck Norris, il capitano Asso, che se ne va in giro con un'attillatissima tutina d'oro.

Alla lunga però “Megaforce” si rivela piatto e noioso, se si eccettua qualche stupido effetto speciale e una manciata di dialoghi risibili tipo “Le ami di meno, le ami di più, ma soprattutto le ami laggiù”.

La scena migliore si ha nel finale quando il capitano Asso raggiunge l'astronave partente prendendo il volo con una moto, in una sequenza -forse l'unica- particolarmente esilarante (visibile qua sotto)

In sostanza “Megaforce” è un titolo da consigliare solo agli irriducibil del trash, ma proprio quelli con le palle d'acciaio, perchè per trovarci qualcosa di interessante bisogna aspettare e scavare in profondità.

Recensito da: Vidur

VOTI
TRASH: 63/100
Noia: 75/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 80/100
Presunzione della regia: 81/100
Incapacità degli attori: 68/100



SE TI PIACE GUARDA ANCHE: I Predatori dell'Anno Omega, Mad Max, qualsiasi altro stupido film di fanatscienza in un futuro post-apocalittico.

1 commento:

  1. Non potete parlarmi male di Megaforce! No, mi oppongo!
    Soprattutto per il fatto della trama: ci voglioni 5-6 visioni per capire appieno il funzionamento dell'operazione "Ago, Filo e Piombo" ma una volta superato quell'ostacolo, tutto diventa più chiaro.
    E poi i dialoghi: cavolo i dialoghi, quelli sono semplicemente epici.
    Consiglio una seconda, terza, quarta e chi più ne ha più ne metta, visione. È un capolavoro, non si può smontare in questa maniera.

    RispondiElimina

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani