BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

5 luglio 2010

SPECIES III

 
 Di Brad Turner, con Robin Dunne, Robert Knepper, Amelia Cooke, Sunny Mabrey. USA/2004/MGM

 
Va bene lo ammetto, non ho visto gli altri tre film della serie Species (I,II,IV) e quindi questa recensione sarà probabilmente incompleta, caotica, prevenuta e al limite del comprensibile, ma il problema è che Species III è incompleto, caotico, e al limite del comprensibile!
Partiamo dall’inizio, cioè dalla fine, la copertina del DVD (ahimè originale, anzi ahi Imrahil visto che lui lo ha acquistato e poi si è sottratto vigliaccamente dal recensirlo) presenta una trama che è esattamente quella dei primi 5 minuti di film, per la serie che quello che doveva fare la grafica si è rotto di vederlo dopo i titoli di inizio. Dice infatti che dei soldati per conto del governo devono rintracciare un alieno fuggito, peraltro in cinta. Niente di più falso, non compare nessun soldato in tutto il film (salvo i primi 5 minuti appunto) e l’alieno incinta ( che poi è una normalissima donna) partorisce e muore sempre dopo 5 minuti.
La storia tratta infatti della crescita di una bambina metà alieno e metà umano per conto di un professore universitario prima e del suo studente poi che la devono proteggere dagli alieni cattivi mezzi umani e mezzi alieni ma con difetti genetici. L’alieno perfetto vorrebbe difatti riprodursi solo con un alieno perfetto che andrebbe però creato in laboratorio.
Avete capito tutto?
No? Bene, allora come mi ha sempre detto mia mamma per più  o meno qualsiasi cosa: rànges! (arrangiatevi)
Non ho la minima intenzione né capacità di poter scrivere la trama di questo incredibile spreco di denaro, tempo e mezzi, di cui posso andare fiero di non aver capito niente. Un film di una pochezza ai limiti del sopportabile, senza capo né coda, tanti effetti speciali ben eseguiti ma totalmente inutili, pathos zero, suspance ancora meno, una di quelle pellicole che dopo due giorni non ricorderete nemmeno più di aver visto. Per vostra fortuna.


Recensito da: Ortnid

VOTI
Livello Trash: 40/100
Noia: 60/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 10/100
Presunzione della regia: 70/100
Incompetenza degli attori: 40/100 



Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani