BENVENUTI!


Ben arrivati nel nostro blog! Siamo cinque ragazzi con la passione ormai da anni per i b-movies, abbiamo deciso di cimentarci in questo progetto principalmente per nostro personale diletto, ma speriamo anche di essere utili con le nostre recensioni a qualche amante del trash di passaggio.

Saluti.

21 giugno 2010

DÜNYAYI KURTARAN ADAM (aka "Turkish Star wars")


Di Çetin Inanç, con Cuneit Arkin e Aytekin Akkaya, TUR/1982

Schwiss, ptrrruull, bradabong, queuqueuqueu, papparappa tratapan……aiuto aiuto il mondo è in pericolo! Siamo nel 1982 e il Millennium Falcon sta per distruggere la terra, ha già raggiunto le piramidi, la cappadocia, portando distruzioni, bombe, morte, frane, fuochi, la terra non resisterà a lungo …. ma ecco che ad un tratto si sente una musichetta famigliare, ma si è quella di Indiana Jones, forse sta arrivando proprio lui a salvare la terra, o forse arriverà Obi Wan Kenobi o forse un muscolosissimo eroe ….
No.
Arriva un tipetto piuttosto buffo, alto circa un metro e un cazzo, brizzolato, seguito da una sorta di ridicolo tirapiedi, l'inquadratura indugia su di lui per un tempo assolutamente spropositato, non c'è dubbio, l'eroe è proprio lui.
Da ora in avanti il film è una sequenza ininterrotta di calci, pugni, lanci di sassi, calci a sassi che esplodono, pugni che esplodono, armi in cartone, scene vigliaccamente rubate ad altri film, zombies in carta igienica, salti montati in sequenza 5 o 6 volte di fila in modo da far sembrare il salto più lungo, rumori di spari palesemente fatti con la bocca e ogni povero mezzuccio che possiate immaginare per simulare dei combattimenti.
Non manca la tenera presenza femminile, una turca magra ,bionda e muta che fa presto breccia nel cuore di cartapesta dell'eroe, come anche il piccolo bambino che cerca di emularne le imprese.
Turkish Starwars è un film che vi stupirà sicuramente, sotto qualsiasi aspetto lo guarderete rimarrete esterrefatti, rimanderete all'indietro all'infinito le scene in cui l'eroe colpisce con potentissimi calci dei pupazzi assolutamente inanimati, dove la parte superiore del gabibbo (perchè di gabibbo si tratta) è semplicemente appoggiata sulle gambe, rimarrete allibiti nel vedere come, per simulare la decapitazione del cattivo di turno, il regista non provi nessuna vergogna nel mettere un cartoncino traballante davanti alla telecamera per nascondere mezza testa, proverete una forte emozione nell'accorgervi che i rossi mostri cattivi non compaiono mai in gruppi di più di 5 causa mancanza comparse.
Una misera recensione non rende tuttavia giustizia all'arroganza recitativa di Cüneyt Arkın (di cui prendo atto con sgomento dal suo sito personale che ha partecipato a oltre 300 film Turchi, tutti con la stessa espressione ovviamente  www.cuneytarkin.com.tr) ma una visione, meglio se ripetuta, potrà sicuramente lasciarvi un ricordo indelebile della impegnata filmografia turca anni 80.
Introvabile in Italiano (ma la cosa è totalmente ininfluente nella sua comprensione) è stato presumibilmente girato su carta igienica o forse su di un Super8 millimetri di riciclo, la sua visione è considerata all'unanimità una pietra miliare nella filmografia di infima serie, se riuscite ad arrivare alla fine potrete andarne orgogliosi con gli amici (con gli amici cultori del genere ovviamente, gli altri vi toglieranno il saluto immediatamente).

Recensito da: Ortnid

Voti:
Trash: 94/100
Noia: 70/100
Ridicolaggine effetti speciali: 96/100
Presunzione della regia: 88/100
Incompetenza degli attori: 95/100





SE TI PIACE GUARDA  ANCHE..
Ebbene si, esiste anche Turkish Rambo, stesso attore, stessa trama…

Nessun commento:

Posta un commento

LEGENDA - per capire meglio le nostre recensioni e le nostre votazioni

Questo blog tratta esclusivamente film di infimo livello, per cui i nostri criteri di giudizio sono totalmente differenti da quelli che potreste trovare in un qualsiasi sito di recensioni cinematografiche; nello specifico noi qui a Pellicole dall'Abisso teniamo conto di 5 fattori ed abbiamo deciso di esprimere il voto in centesimi per consentire maggiori sfumature;

1) VOTO TRASH: è il più importante ed è un voto generale; se volete semplicemente sapere quanto sia ''patetico'' o involontariamente comico un film fate riferimento a questo dato.

2) VOTO NOIA: abbiamo scoperto nella nostra esperienza che la noia è un elemento ricorrente (ed estremamente fastidioso) di questo genere di film. Più è alto il valore più bisogna avere le palle di ferro per poterlo sostenere

3) RIDICOLAGGINE DEGLI EFFETTI SPECIALI: non credo servano particolari spiegazioni.

4) PRESUNZIONE DELLA REGIA: In molti casi i registi sono ben consci di star girando una puttanata clamorosa, e quinidi tendono a prendersi in giro da soli.. ma ci sono altri registi che invece sono fermamente convinti che il loro film sia una specie di capolavoro visionario low-budget, e spesso sono proprio questi i più grandi capolavori del trash. più è alto il valore più il film ''se la crede''.

5) INCOMPETENZA DEGLI ATTORI: inutile dare un voto alle abilità degli attori in questo genere di film, abbiamo ritenuto più funzionale dare una valutazione di quanto gli attori siano cani